Mai più soli… Insieme ci riusciamo!

X
Seguici sulla nostra newsletter

31.05.2019

L'erasmus di Sara e Alejandro al Centro Diurno Disabili di Gallarate

 

Sara e Alejandro hanno il piglio vispo e veloce dei giovani, è mattina, e desiderano raggiungere gli ospiti del centro che stanno iniziando le loro attività quotidiane ma si fermano volentieri a chiacchierare, il tempo di raccontare l’esperienza speciale che stanno vivendo.

Sara ha 18 anni e Alejandro 19, frequentano la stessa classe al collegio Edith Stein di Madrid, in Spagna. Sono all’ultimo anno di bachillerato – così viene chiamato il corrispondente spagnolo del triennio delle scuole superiori italiane. Questa primavera sono volati in Italia per sperimentare nel CDD (centro diurno disabili) di Gallarate, quanto hanno appreso nel loro indirizzo di studio umanistico – sociale.
Come la loro compagna Lucia, che ha iniziato il tirocinio presso Pollicino (il centro sperimentale per bambini e ragazzi autistici), Sara e Alejandro sono arrivati il 15 di Marzo, guidati dal loro tutor Andres, per il tirocinio formativo in Solidarietà e Servizi fino al 13 Giugno, e la struttura li ha subito accolti con il calore e la simpatia degli ospiti e degli educatori e operatori del centro.

Stante il problema linguistico, all’inizio nei laboratori utilizzano molto gli strumenti visivi e le immagini per relazionarsi con gli ospiti che hanno difficoltà nella parola. Come comunicazione alternativa risulta infatti immediata e facilitante. A loro piace sperimentare e vedere tutti i diversi aspetti della vita del servizio, così partecipano sin dai primi giorni ai laboratori e alle uscite, come all’attività di spesa nei centri commerciali  e all’attività di cucina. Non rinunciano a nessuna uscita di gruppo sul territorio, tra mostre e gite nei parchi, e osservano con interesse il fisioterapista e lo psicomotricista all’opera.

Come accade sempre quando si mette il cuore in ciò che si fa, gli ospiti del centro si affezionano a loro in uno scambio reciproco. Hamsa e Alvaro sono coetanei di Alejandro e giocano spesso a basket insieme, Roberta e Corrado passano il tempo in compagnia di Sara.

<E’ la nostra prima esperienza con i disabili – racconta Sara -  ed è cambiato molto il mio pensiero sulla persona disabile. Mi piace lavorare con loro. Stiamo imparando l’italiano con un corso online, ma casa ci manca molto, così l’altro giorno con una videochiamata abbiamo mostrato a tutta la classe il centro>.

<Le nostre attività preferite sono la piscina e la pet therapy: ci prendiamo cura di alcuni cani del canile comunale e li portiamo a spasso con un doppio guinzaglio. – racconta Alejandro - Questo tirocinio è importante per me: mi piace la vita autonomia, serve a maturare e a capire cosa significa diventare adulti>.